Imprenditore recupera e restaura il carro funebre che trasportò la salma di Duccio Galimberti.

«Ho la passione per le carrozze fin da ragazzino, quella per i cavalli è di famiglia (gestori di un maneggio a Busca, ndr). Quando ho saputo che c’era questo carro funebre con quasi due secoli di storia ho chiesto di affidarmelo, per il restauro. Non meritava di restare in un magazzino». Così Adamo Martin, 34 anni, di Tarantasca.
Superando un po’ di burocrazia ha ottenuto dal proprietario, il Comune di Cuneo, le concessione gratuita decennale: alto 3,70 metri, 10 quintali di ferro e legno nero intarsiato e dipinto in oro (putti e zampe leonine, la scritta «Pax» sui lati), gli attacchi per 4 cavalli. È il carro usato per i funerali di Duccio Galimberti nel giugno 1945 a Cuneo, come dimostrano anche le foto dell’epoca. Ci sono ancora i paramenti funebri per i cavalli e il cappello a tre falde per il conducente.

continua a leggere

Condividi
Indietro