10 marzo 1948. Placido Rizzotto, il sindacalista ucciso dalla mafia.

Il sindacalista siciliano Placido Rizzotto viene rapito e ucciso dalla mafia che non gli perdona il suo impegno a fianco del movimento contadino per l’occupazione dei latifondi. Giuseppe Letizia, il pastore che assiste all’omicidio e riconosce gli assassini, viene a sua volta ucciso. I presunti assassini, Vincenzo Collura, Pasquale Criscione e Luciano Liggio, verranno assolti per insufficienza di prove.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro