Biella. Folla per l’ultimo saluto a Stefano Leo.

Addio anima bella. Sappiamo che tu hai già perdonato chi ti ha portato via da noi”. Oltre 400 persone si sono strette attorno al dolore della famiglia di Stefano Leo, il 33enne ucciso una settimana fa a Torino mentre camminava lungo i Murazzi. La cerimonia laica in suo ricordo si è svolta al Museo del Territorio di Biella. Due ore di funzione organizzata da mamma Mariagrazia e dalla migliore amica di Stefano, Cristina, in cui amici, anche d’Oltreoceano, colleghi e conoscenti lo hanno voluto salutare attraverso i ricordi. Letture e dediche tradotte anche nella lingua dei segni dallo zio del giovane. Ad accompagnare i pensieri le immagini proiettate su un maxi schermo: fotografie di un ragazzo che tutti descrivono come “tranquillo e senza grilli per la testa”. Una tragedia che, per ora, resta per tutti senza risposte. Stefano da dicembre si era trasferito a Torino, insieme all’amico Sebastiano, presente alla cerimonia. Al termine della funzione laica la famiglia ha chiesto il silenzio per salutare il loro ragazzo. Il feretro ha proseguito il viaggio fino a Valenza, in provincia di Alessandria, dove i genitori hanno rispettato la volontà del giovane di essere cremato.

Condividi
Indietro