28 febbraio 1916. Addio a Henry James, il romanziere che svela l’anima.

Muore a Londra per un attacco cardiaco Henry James, uno dei più grandi scrittori e critici letterari statunitensi. Figlio di genitori entrambi intellettuali, scrive complessivamente 22 romanzi, di cui due incompiuti, e 112 racconti oltre ad alcune opere teatrali e ad un larghissimo numero di saggi e di articoli di critica. I romanzi di James svelano in profondità i moti dell’animo umano e si concentrano sulla vita interiore ed emozionale dei protagonisti. Tra i suoi capolavori: “Ritratto di signora”, “L’americano”, “Daisy Miller” e  “I bostoniani” da cui sono state tratte celebri opere cinematografiche.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro