21 febbraio 1965. Malcolm X, la morte di un mito.

A New York viene assassinato Malcolm X, il cui vero nome è Malcolm Little. L’omicidio è commissionato da membri della Nazione dell’Islam, gruppo dal quale il controverso leader del movimento si è pubblicamente separato l’anno prima. Nato a Omaha nel 1925, Malcom X, nel gennaio 1946, era stato arrestato e condannato a 10 anni. In carcere prende contatto con la NOI, la Nation of Islam, una setta islamica che predica, per i neri d’America, la conversione all’Islam e la creazione di una nazione nera all’interno degli Stati Uniti. Uscito di prigione, prende il nome di Malcom X, perché intende così rifiutare il suo “cognome da schiavo”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro