Sepoltura dei bambini mai nati, Colosimo: “Un diritto da riconoscere e tutelare”.

“In Italia un figlio mai nato è considerato un rifiuto speciale, per noi invece è una vita che si è spenta alla quale va riservata degna sepoltura con esequie. Cosa che oggi avviene solo se si fa richiesta d’inumazione alla Asl, procedura che non tutti conoscono”.
Così, in una nota Chiara Colosimo, consigliere regionale di Fratelli d’Italia alla Regione Lazio, che spiega: “Per assicurare questo diritto ai tanti genitori che perdono il bambino prima che veda la luce, Fratelli d’Italia ha presentato pochi giorni fa una proposta di legge che colmi il vuoto legislativo del nostro e di tanti altri ordinamenti regionali che contribuisca a rendere la Regione Lazio una istituzione modello sul tema della custodia dei valori spirituali”.
“Il testo della legge denominato‘Riconoscimento e tutela del diritto alla sepoltura dei bambini mai nati’ regola la procedura di inumazione dei bambini mai nati rendendola obbligatoria per tutti i feti superiori ai 3 mesi, perché seppur nel pieno rispetto della 194 nessuna mamma debba più vivere il dramma nel dramma di sapere suo figlio considerato come un rifiuto speciale”.

fonte: ilfaroonline.it

Condividi
Indietro