“No a cimiteri per soli islamici”. La legge funeraria per la Lega.

La misura si richiama alla Costituzione: nessuna discriminazione su base religiosa. Gli animali domestici potranno riposare per sempre con i lori padroni. È la novità di cui si parlerà di più, fra quelle contenute nella nuova «legge funeraria» di Regione Lombardia, un provvedimento che oggi sarà all’esame del Consiglio ed entrerà a far parte del testo unico sulla sanità.
Però la legge sulle attività funebri, necroscopiche e cimiteriali – di cui è relatrice Simona Tironi – contiene regole e novità importanti anche per il comparto, che chiede garanzie e in certi casi modifiche. Inoltre, in Aula si discuterà un emendamento di Andrea Monti (Lega) che sembra voler ostacolare la nascita dei cimiteri musulmani.
La proposta di modifica del consigliere leghista prevedrebbe infatti, in capo alle associazioni che hanno in suo uso are interne ai cimiteri, l’obbligo di ricevere tutte le salme, senza distinzione di sesso o professione religiosa. Se così fosse, negli spazi pubblici – per quanto assegnati ad associazioni ispirate da una fede – non sarebbe più possibile discriminare in base alla fede o all’etnia. Insomma, tutti dovranno dire «sì» a tutti: cristiani o ebrei, sunniti o sciiti, uomini e donne, senza alcuna distinzione, come del resto prevede in generale la Costituzione.
Quanto alle norme che più interessano il settore, che è anche settore economico, la legge introduce la definizione di «centro servizi», un’impresa funebre che fornisce servizi ad altre imprese. Su 65 emendamenti presentati, la metà riguarda questo aspetto. Ed è stata presentata anche – ma ha scarse possibilità di successo – una questione pregiudiziale avanzata dal gruppo 5 Stelle (primo firmatario il consigliere Marco Fumagalli) che solleva il problema, paventando un rischio della presenza di profili di illegittimità costituzionale, con particolare riferimento all’introduzione del centro servizi e ai requisiti richiesti dalla legge per lo svolgimento dell’attività funebre.

Condividi
Indietro