17 febbraio 1967. L’assassinio dei gioiellieri Menegazzo.

Roma, via Gatteschi, quartiere Nomentano: due fratelli, Silvano e Gabriele Menegazzo, rappresentanti di gioielli, cadono sotto i colpi di pistola di 4 giovani rapinatori. A colpire sono Francesco Mangiavillano, Franco Torreggiani, Mario Loria e Leonardo Cimino. I 4 costituiscono una banda che presenta i connotati tipici delle organizzazioni malavitose d’oltreoceano. Il delitto ha una eco enorme sulla stampa e sull’opinione pubblica: in un Paese in fermento, la violenza e le modalità del crimine dimostrano agli inquirenti e all’intera società civile che in Italia sta cambiando anche la criminalità.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro