8 febbraio 2007. Muore Adele Faccio, in prima fila a favore dell’aborto.

Nata nel 1920, è staffetta partigiana durante la resistenza. Redattrice di riviste underground, nel 1973 fonda a Milano il Cisa, il Centro Informazione Sterilizzazione e Aborto, quando questo è illegale in Italia. Colpita da mandato di cattura, dopo una breve fuga a Parigi, nel gennaio del 1976 si consegna alla Polizia. E, dopo trentatre giorni di carcere, diventa il simbolo delle donne che vogliono la legge sull’aborto. Deputata nelle fila del partito radicale, a Montecitorio parteciperà alla elaborazione della legge 194.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro