Perché sulla tomba di Vittorio Gassman al cimitero del Verano c’è scritto: “Non fu mai impallato”.

Al cimitero del Verano è sepolto l’attore e regista Vittorio Gassman, protagonista per decenni del cinema, del teatro e della cultura italiana. Nato a Genova il 1 settembre del 1922, si è spento il 29 giugno del 2000 a Roma. La lapide di marmo bianco è sobria e poco appariscente: la foto mostra un Gassman che sorride senza ridere, lo sguardo che indaga. L’epigrafe riporta solo “attore” e poi una frase di cui molti si chiedono il significato: “non fu mai impallato“.

continua a leggere

Condividi
Indietro