30 gennaio 1948. L’assassinio del Mahatma Gandhi.

Il Mahatma Gandhi è ucciso a New Delhi da un fanatico induista che lo riteneva responsabile dell’indebolimento dell’India a causa del pagamento del debito al Pakistan. Gandhi, avvocato, giornalista, capo spirituale e leader di una intera nazione, è diventato un mito carismatico, ricordato oggi soprattutto per le sue “battaglie della non violenza”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro