Roma. Il cimitero della Parrocchietta nel degrado, circondato da campi rom e da discariche.

Le mattonelle per terra le ho messe io, ho anche comprato il brecciolino perché non si poteva camminare sul pantano. Le piante che vedi sparse per tutta l’area le ho prese e piantate; e anche la fontana con i pesci rossi. Tutto con i miei soldi”. Esordisce così il custode del piccolo cimitero della Parrocchietta in viale Newton, proprio sotto il viadotto della Portuense, che collega Monteverde con la Magliana e il Trullo. Il camposanto della Parrocchietta, sorto nel 1781 e riedificato nel 1855, prende il nome dalla chiesa e dal piccolo borghetto dove finisce via del Casaletto.

continua a leggere

Condividi
Indietro