28 dicembre 1943. L’esecuzione dei fratelli Cervi.

I sette figli del contadino emiliano Alcide Cervi vengono fatti fucilare nel poligono di Reggio Emilia. A ordinare la morte sono le autorità fasciste, come rappresaglia per un’ azione dei gap comunisti. Partigiani tra i 42 e i 22 anni, della loro morte non viene data notizia per lungo tempo.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro