Iraq. Trovate più di duecento fosse comuni delle vittime dell’Isis.

Nella regione irachena controllata dall’Isis hanno trovato oltre duecento fosse comuni. La maggior parte si trova nelle province di Ninive (95), Kirkuk (37), Salah-ad-Din (36) e Anbar (24). In questi luoghi potrebbero essere sepolti da 6.000 a più di 12.000 vittime. Tra i sepolti donne, bambini, anziani, persone con disabilità, l’esercito iracheno e membri della polizia, alcuni dipendenti stranieri. “Queste tombe contengono i resti di chi è stato ucciso a sangue freddo perché non ha seguito l’ideologia dell’ISIS, ma anche rappresentanti di minoranze etniche e religiose. Le famiglie hanno il diritto di sapere cosa è successo ai loro cari. Verità, giustizia e riparazione sono estremamente importanti al fine di pagare i crimini commessi” ha detto l’alto commissario ONU per i diritti umani, Michelle Bachelet. Gli esperti hanno invitato la comunità internazionale a fornire le risorse necessarie e assistenza tecnica per esumazione, trasporto, stoccaggio, identificazione e restituzione dei resti alle famiglie delle vittime.

Condividi
Indietro