18 ottobre 1978. Addio a Ramon Mercader, l’assassino di Trotzij.

Nato a Barcellona nel 1914, combattente repubblicano nella Guerra civile in Spagna, il 20 agosto 1940 assassina il sessantunenne Trotzkij nella sua villa fortezza di Coyocán, un sobborgo di Città del Messico. Gli pianta in testa la piccozza da ghiaccio che nasconde nell’impermeabile sottobraccio, dalla parte della paletta. Trotzkij lo conosce come Franc Jacson, canadese, e agli inquirenti dichiara di essere Jacques Mornard, belga; solo verso la fine della sua condanna a vent’anni è identificato come l’agente dei servizi staliniani Ramón Mercader. Liberato dal carcere messicano nel 1960, è accolto e decorato in segreto da Breznev come “Eroe dell’Unione Sovietica”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro