10 agosto 1860. Nino Bixio e l’esecuzione dei rivoltosi di Bronte.

Si chiude con la condanna a morte e l’esecuzione dei cinque  presunti capi la rivolta di Bronte, il paesino nel catanese che, nei primi giorni d’agosto, era insorto contro le grandi proprietà terriere fra le quali spiccava la Duca di Nelson, di proprietà di una nipote del grande ammiraglio inglese. A guidare il plotone d’ esecuzione un personaggio chiave delle battaglie risorgimentali, quel Nino Bixio incaricato da Garibaldi di punire in modo esemplare i responsabili della rivolta, sia per motivi di ordine pubblico, sia per proteggere gli interessi degli inglesi che stavano attivamente sostenendo l’impresa dei Mille. Il tumulto aveva provocato 16 vittime.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro