17 maggio 1972. L’omicidio Calabresi.

Un commando composto da due militanti di Lotta continua uccide Luigi Calabresi, vice capo della squadra politica della Mobile di Milano. L’omicidio avviene al culmine di una lunga campagna diffamatoria condotta nei confronti del commissario e legata alla morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli, precipitato da una finestra della questura di Milano durante un interrogatorio sulla strage di piazza Fontana del 12 dicembre 1969. Per l’omicidio del commissario Calabresi saranno condannati Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani come mandanti, e Ovidio Bompressi e Leonardo Marino, come esecutori materiali.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro