12 marzo 1992. Viene ucciso Salvo Lima.

Il parlamentare democristiano Salvo Lima, leader in Sicilia della corrente politica di Giulio Andreotti, viene ucciso dalla mafia a Palermo. La fine violenta di Lima è legata ai suoi rapporti con la Mafia, rapporti noti anche alla politica, visto che il suo nome compare spesso nelle relazioni della Commissione parlamentare antimafia e per ben 4 volte viene chiesta l’autorizzazione a procedere nei suoi confronti. La vicinanza di Lima ad Andreotti alimenterà le accuse di associazione mafiosa anche per il senatore a vita che, a conclusione del processo di Palermo, nel 2003 verrà assolto per i fatti successivi alla primavera 1980. Per quelli precedenti la Corte ravvisa l’associazione a delinquere, ma il reato sarà estinto per prescrizione.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro