13 febbraio 1883. Addio a Richard Wagner, la potenza dell'Opera introspettiva. | TGFuneral24

13 febbraio 1883. Addio a Richard Wagner, la potenza dell’Opera introspettiva.

Muore a Venezia Richard Wagner. Nato a Lipsia nel 1813, a 16 anni assiste a una rappresentazione del “Fidelio” e da quel momento decide di dedicare la propria vita alla musica. Intraprende gli studi di composizione e diventa direttore musicale dei teatri di Wurzburg, Magdeburg e Königsberg. Nel 1849 viene arrestato per aver partecipato ai moti rivoluzionari. Riesce a sfuggire alla condanna a morte e ripara a Zurigo fino all’amnistia. Nel 1852 inizia a lavorare al suo capolavoro “L’anello dei Nibelunghi”, un dramma teatrale suddiviso in 4 parti. Tra le sue opere più conosciute “Lohengrin”, “Tristano e Isotta”, “I maestri cantori di Norimberga”, e “Parsifal”. Il re Ludwig II di Baviera, suo appassionato ammiratore, dal 1864 finanzia con una cospicua rendita il dispendioso stile di vita di Wagner.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro