15 luglio 1609. Muore Annibale Carracci.

carracci1É nella città  che ospita i suoi celebri affreschi, a Roma, che si spegne  Annibale Carracci. Prosecutore ideale del Rinascimento italiano di Raffaello e Michelangelo, caratterizza la sua arte nella paziente ricerca dell’effetto naturale, nella fusione della regola fiorentina del disegno e della linea, con il sapiente uso del colore suggerito dalla scuola veneziana, dando vita ad uno stile unico ed eclettico, rispetto al genere manieristico in voga all’epoca. Una eccentricità  svelata anche nella scelta delle tematiche paesaggistiche, di scene “ basse”, tratte dalla quotidianità , di ritratti e autoritratti. Tra i quadri più  celebri: “Venere, satiro e due amorini” e “La testa di Niobe”.

171

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro