13 ottobre 1972. I sopravvissuti delle Ande.

Un Fokker Fairchild FH-227D della Fuerza Aerea Uruguayana, in volo per Santiago del Cile, si schianta su un roccione delle Ande perdendo un’ala e, successivamente, l’altra. Delle quarantacinque persone a bordo, diciotto muoiono nel disastro. In undici perdono la vita successivamente per il freddo, gli stenti e le ferite. Dopo settimane di stenti, in cui i sedici superstiti si cibano dei corpi dei compagni, due dei sopravvissuti, Roberto Canessa e Ferando Parrado, attraversano a piedi le Ande per cercare i soccorsi che arrivano dopo 72 giorni dalla tragedia. Ormai nel Paese si erano completamente perse le speranze di ritrovare qualche sopravvissuto.

213

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro