12 settembre 1981. La scomparsa di Eugenio Montale.

Muore Eugenio Montale, uno tra i massimi poeti italiani. Genovese, autodidatta, nel 1925 pubblica la sua raccolta di liriche  “Ossi di seppia”. Alla fine della Seconda Guerra mondiale si iscrive al Partito d’Azione e inizia una intensa attività giornalistica per il Corriere della Sera. Nel 1967 viene nominato senatore a vita. Nel 1975 arriva il riconoscimento più importante, il Premio Nobel per la Letteratura. Dice di sé Montale : “Le mie poesie sono funghi nati spontaneamente in un bosco”. Oltre ad “Ossi di Seppia”, scrive  “Le Occasioni”  e “La bufera e altro”.

183

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro